Recensioni

PIAZZA DEL PLEBISCITO NAPOLI 2020AIDA

Claudio Sgura è un Amonasro intenso e cupo, con una voce ben proiettata, acuti belli e pieni e una presenza vocale forte ; è un ruolo ingrato perché breve, che deve imporsi immediatamente : nonostante la sua brevità, può essere affidato solo a un grande baritono.

Guy Cherqui – Wanderer

PIAZZA DEL PLEBISCITO NAPOLI 2020AIDA

Perentorio, dotato di bel timbro scuro, è l’Amonasro di Claudio Sgura: vocalità genuina, generosa, fraseggio attento ai segni dinamici e espressivi della parte delineano un Amonasro autorevole e sicuro, mai sopra le righe e che si fa ben notare sin dalla sortita “Questa assisa ch’io vesto”, cantata con accento regale. Il baritono salentino è particolarmente intenso nel duetto con la figlia nel terzo atto dove sfoggia un bel legato nella frase “Pensa che un popolo vinto straziato per te soltanto risorger può!

Luigi Raso L’Ape Musicale

CONNESSI ALL’OPERA 2020INTERVISTA

Il gigante buono che dà voce ai cattivi – Intervista a Claudio Sgura.

Cliccate qui: https://bit.ly/2RBflw1

Paola De Simone – Connessi all’Opera

TEATRO SAN CARLO DI NAPOLI DICEMBRE 2020CAVALLERIA RUSTICANA

Attuale quanto intenso modello di riferimento nel ruolo di compare Alfio è poi Claudio Sgura che, tra «schiocchi di frusta e tintinnìo di sonagli», dà vita e nuova voce a un’aria di sortita vecchia maniera giocata a meraviglia sul contrasto metrico del testo (senari sdruccioli/piani e settenari tronchi) e su una studiata instabilità tonale che, così come la canta lui, rivela caldo temperamento mediterraneo e senso dell’onore più che la solita, irritante arroganza. Anche i suoi passaggi in recitativo ritagliano con morbida e sonora potenza il peso non passeggero del personaggio, così come ribadito al cospetto di Santuzza e sull’incalzante, bellissimo sostegno orchestrale garantito da Valčuha, nel suo intento di vendetta “Ad essi non perdono”.

Paola De Simone – Connessi all’opera 

TEATRO SAN CARLO DI NAPOLI DICEMBRE 2020CAVALLERIA RUSTICANA

Claudio Sgura ha vocalità tanto signorile e sicura che neppur la parte di Alfio – troppo spesso tripudio di suoni grevi e sguaiati – è in grado di incrinare il proprio credo vocale. Eppure, grazie a un timbro dal colore scuro, compatto e vellutato, il baritono salentino riesce ad esprimere perfettamente la gelosia e l’onore ferito e la conseguente sete di vendetta. Il tutto con classe; e, si sa, la classe non è acqua.

Luigi Raso – L’Ape Musicale 

TEATRO SAN CARLO DI NAPOLI DICEMBRE 2020CAVALLERIA RUSTICANA

Alfio viene consegnato al bravissimo Claudio Sgura, che delinea abilmente, con la sua naturale veemenza, la cospicua colonna di fiato, il fraseggio asciutto ed efficacissimo, l’umanità introversa e la durezza primitiva, a senso unico, del carrettiere verghiano, mosso dal senso ancestrale dell’onore.

Gilberto Mion – Teatro.it

TEATRO SAN CARLO DI NAPOLI DICEMBRE 2020CAVALLERIA RUSTICANA

Perfetto Claudio Sgura un Compar Alfio risoluto, veemente d’istinto ma poi quasi freddo nella sua determinazione, autorevole grazie alla vocalità salda senza esitazioni di sorta e al timbro scuro e omogeneo.

Bruno Tredicine – Operaclick

TEATRO SAN CARLO DI NAPOLI DICEMBRE 2020CAVALLERIA RUSTICANA

Claudio Sgura è un Alfio credibile, dal timbro autorevole e dal fraseggio morbido che gli consente di tratteggiare un personaggio sfaccettato, distante dalla caratterizzazione del greve carrettiere che una certa tradizione ha tramandato.

Davide Cornacchione – Opera Teatro

ABAO – BILBAO FEBBRAIO 2020 LA FANCIULLA DEL WEST

El papel del scheriff, un post-Scarpia con similar suerte lo encarnó el barítono Claudio Sgura que, afortunadamente, huyo del efectismo y del vozarrón gratuitos para dotar al personaje de cierta elegancia.
(Il ruolo dello scherzoso, post-Scarpia con destino simile, è stato incarnato dal baritono Claudio Sgura, che, fortunatamente, è fuggito dall’efficacia gratuita e dalla voce libera per conferire al personaggio una certa eleganza.)

Enrique Bert – Ritmo.es  

ABAO – BILBAO FEBBRAIO 2020 LA FANCIULLA DEL WEST

Claudio Sgura y Oksana Dyka no solo crearon dos personajes reales, intensos, potentes, fascinantes, tanto dramática como vocalmente, sino que existió entre ambos una sintonía
(Claudio Sgura e Oksana Dyka non solo hanno creato due personaggi reali, intensi, potenti e affascinanti, sia drammaticamente che vocalmente, ma c’era un’armonia tra loro.)

Asier Vallejo Ugarte – Scherzo.es

ABAO – BILBAO FEBBRAIO 2020 LA FANCIULLA DEL WEST

Completaba el trío protagonista la voz de Claudio Sgura, barítono italiano que posee tanto la voz como la presencia física idoneas para encarnar de manera convincente al sheriff Jack Rance.

Alejandro Martinez – Plateamagazine

ABAO – BILBAO FEBBRAIO 2020 LA FANCIULLA DEL WEST

Claudio Sgura dio vida al sheriff Rance muy convincentemente, con una voz brillante y sedosa y una convincente actuación teatral, accidente en un pistoletazo incluido.
(Claudio Sgura ha dato vita allo sceriffo Rance in modo molto convincente, con una voce brillante e setosa e una prestazione teatrale convincente, incidente in uno sparo incluso.)

Jose Miguel Balzola – Opera Actual

ABAO – BILBAO FEBBRAIO 2020 LA FANCIULLA DEL WEST

Buen perfil vocal tiene el barítono pugliense Sgura con una presencia corpórea importante, administrado bien todo el esfuerzo que le supone desarrollar, durante tres intensos actos su papel de sheriff celoso y bravucón.
(Di buon profilo vocale ha il baritono pugliese Sgura con un’importante presenza corporea, ben gestito tutti gli sforzi necessari allo sviluppo, durante tre intensi atti, il suo ruolo di sceriffo geloso e bullo.)

Beckmesser.com 

ARENA DI VERONA 2019TOSCA

Il baritono Claudio Sgura torna in Arena per vestire i panni del crudele Scarpia, sfoderando un timbro scuro e poderoso, nonché una presenza fisica autorevole, che passa con nonchalance dall’austerità marziale del magistrato alle pulsioni da «bigotto satiro che affina colle devote pratiche la foia libertina.

Brescia Oggi

BAYERISCHE STAATSOPER MONACO – SETTEMBRE 2019 OTELLO

Iago , géniale incarnation de Claudio Sgura, beaucoup plus diabolique que ne l’était le doux Finley ce qui nous donne un affrontement absolument inoui d’où Otello sortira vaincu, littéralement piqué par le venin d’un serpent.
Ce Iago là est tout à la fois d’une intelligence aigue magnifiquement montrée par l’acteur sur scène face à un Otello brut de décoffrage et à qui il manque de toute évidence, la capacité à s’élever au-dessus de ses sentiments primaires. Iago manipule tout le monde et mène le bal. Claudio Sgura est de très haute taille, très à l’aise sur scène, il domine Otello très rapidement, moralement comme physiquement. 
[…]Le Iago de Claudio Sgura est bien plus adéquat à la rencontre avec Kaufmann et leurs deux personnages se marient superbement.
Une bonne surprise que ce baryton, beau timbre, belle variation des styles, tout à la fois retors, rusé et intelligent, capable du legato verdien le plus parfait et de belles montées remplies d’une ironie mordante qui fait mouche.

Hélène ADAM– Passion Opéra 

NDR KLASSIK OPEN AIR HANNOVER – LUGLIO 2019 CAVALLERIA RUSTICANA E PAGLIACCI

Als sein Gegenspieler brachte der Bariton Claudio Sgura (Tonio und Alfio) dagegen diabolische Tiefe hinein. Schon für seinen überragenden ersten Auftritt im Prolog des “Bajazzo” wurde er vom Publikum begeistert gefeiert. Seine Wandlungsfähigkeit bewies er sowohl im Dialog mit Nedda als auch in der “Cavalleria” als betrogener Alfio.
(Il baritono Claudio Sgura (Tonio e Alfio) ha interpretato i ruoli con diabolica profondità. Già alla sua straordinaria prima apparizione nel prologo de “I Pagliacci” è stato accolto con entusiasmo dal pubblico. Ha dimostrato la sua versatilità sia nel dialogo con Nedda che nella “Cavalleria” come l’ingannato Alfio)

Alexander Nortrup and Amrei Flechsig – NDR.de 

NDR KLASSIK OPEN AIR HANNOVER – LUGLIO 2019 CAVALLERIA RUSTICANA E PAGLIACCI

Claudio Sgura, ebenfalls ein international erfahrener Verismo-Sänger, hat einen so runden und durchschlagenden, dabei tief dunkel und sehr facettenreich gefärbten Bariton, dass er eine kongeniale Ergänzung zu Mario Bertis Tenor war.
(Claudio Sgura, cantante di verismo con esperienza internazionale, ha un tono baritonale così rotondo e clamoroso, profondamente scuro e molto sfaccettato, che è stato una congeniale aggiunta al tenore Marco Berti)

Christian Schuette – Online Merker  

NDR KLASSIK OPEN AIR HANNOVER – LUGLIO 2019 CAVALLERIA RUSTICANA E PAGLIACCI

Vom Anfang bis zum Ende zu überzeugen vermochte der italienische Bariton Claudio Sgura. Er verstand es im Handumdrehen, dank seiner mitreißenden Präsenz und seiner sonoren, kernigen Baritonfarbe das Publikum auf seine Seite zu ziehen.
(Dall’inizio alla fine, il baritono italiano Claudio Sgura è riuscito a convincere. Ha subito compreso rapidamente come attirare il pubblico al suo fianco grazie alla sua presenza eccitante e alla sua tonalità sonora e baritonale)

Leon Battran – Klassik Begeistert  

SAN CARLO DI NAPOLI – MAGGIO/GIUGNO 2019  MADAMA BUTTERFLY

Claudio Sgura offre al suo Sharpless meditato e preoccupato la grande professionalità sua, che gli fa superare brillantemente la prova; il personaggio non presenta, è vero, particolari difficoltà vocali – che comunque non fornirebbero certo motivo di preoccupazione per il baritono pugliese – ma, sul piano drammaturgico, finisce spesso per oscillare tra buonismo e cinismo, disincanto e affettazione. I toni del diplomatico in principe di Galles sono invece parsi sempre quelli giusti, nell’interpretazione di Sgura, di paterno affanno per il giovane incosciente e la giovanissima ragazza, accomunato in questo con una Suzuki iperprotettiva e inquieta

Luigi Paolillo – Fermata Spettacolo  

STAATSOPER HAMBURG – MAGGIO 2019LA FANCIULLA DEL WEST

Spannung zu erzeugen und dabei auch das Unsympathische, und subtil Verzweifelte seiner Figur überzeugend zu zeigen, liegt BaritonClaudio Sgura im Blut. Der schlanke Hüne scheint wie geschaffen für Opernbösewichte, wie Rance, Jago oder Scarpia, bewies jedoch im Oktober 2017 hier an der Staatsoper Hamburg als einfühlsamer Simon Boccanegra seine darstellerische, wie auch stimmliche Wandlungsfähigkeit. Auch gestern überzeugte und überraschte er mit den vielen Tonfacetten seines Baritons: von tiefdröhnend bis volltönend warm und weich.

Birgit Kleinfeld – Opernmagazin

CIRCUITO TEATRI DELL’EMILIA- FEBBRAIO/APRILE 2019ANDREA CHENIER

Sgura riesce con sensibilità a interpretare le molte facce di Gérard, rivoluzionario lacerato tra il desiderio di libertà e la consapevolezza di rimanere sempre un servo, delle passioni o della rivoluzione stessa. Per fisicità e autorevolezza risolve bene il ruolo, nodale nella trama dell’opera. Voto 8,5

Lucia Brighenti – Gazzetta di Parma

CIRCUITO TEATRI DELL’EMILIA- FEBBRAIO/APRILE 2019ANDREA CHENIER

Più completa l’interpretazione del baritono Claudio Sgura (Gérard), anch’egli dotato di voce ampia, solida, sicura, il quale ha sottolineato con intelligenza, evitando eccessiva foga declamatoria, sia la fierezza appassionata del rivoluzionario, sia la passione per Maddalena e il proprio pentimento.

Ugo Bedeschi – Operaclick

CIRCUITO TEATRI DELL’EMILIA- FEBBRAIO/APRILE 2019ANDREA CHENIER

Claudio Sgura, Gérard, con un’accentazione mutevole e variegata, ben supportata da una vocalità solida, da un timbro brunito e un’emissione affidabile, insegue ad arte la parabola involutiva della rivoluzione. All’ardimentoso monologo di sortita si contrappone infatti la disillusione di «Nemico della patria?», proferita con la straziante mestizia. E il fraseggio allucinato della scena successiva, quando Gerard s’infiamma d’ardore lombare, fa di questa incontenibile passione l’ultima spiaggia per un uomo a cui non rimane più nulla.

Antonino Trotta – L’ape musicale

CIRCUITO TEATRI DELL’EMILIA- FEBBRAIO/APRILE 2019ANDREA CHENIER

Ottimo anche Claudio Sgura, che restituisce a sbalzo la figura complessa di Carlo Gérard per mezzo di accenti espressivi, timbro profondo e volume ragguardevole. Trascinante, quasi commovente, è il trasporto con il quale pronuncia la difesa di Chénier nel quarto quadro.

Ruben Vernazza – Connessi all’opera

MET NEW YORK – NOVEMBRE 2018TOSCA

And the entrance of the evening’s Scarpia, the unfamiliar Claudio Sgura, prompted a gasp from more than one audience member: taller than just plain tall, he instantly commanded the stage with smoothly sardonic relish; and if he seemed a little vocally gray in Act I, he rose nimbly and firmly to the demands of Act II, where he and Radvanovsky repeatedly provoked chills.

Patrick Dillon – Opera Canada

TEATRO PETRUZZELLI DI BARI 2018ANDREA CHENIER

Il baritono pugliese Sgura, dalla figura imponente, supera la difficile prova e, nel plasmare il complesso ruolo di Gerard, sfoggia un calore ed una drammaticità che trovano adeguata espressione e giusti accenti nella romanza “Nemico della Patria”.

Il quotidiano italiano

TEATRO SAN CARLO DI NAPOLI 2018LA FANCIULLA DEL WEST

Di Claudio Sgura, lo sceriffo Jack Rance, non si scopre oggi il talento. Baritono di colore sorprendentemente limpido (a volte, per carità di patria, si definisce brunito un timbro che è solo ingolato), mette in campo potenza e classe con esiti di livello assoluto. Non ha mai gigioneggiato – e sì che il ruolo è a rischio – definendo un personaggio credibile e teatralmente efficacissimo.

L’Opera

STAATSOPER HAMBURG 2017OTELLO

In ottima forma anche Claudio Sgura nel ruolo del sinistro Jago. E questo dall’inizio alla fine con una forte presenza musicale e teatrale. Rispetto! “Sento il fango primordiale in me”, canta il baritono nella sua aria di performance. Questa nozione non è affatto fangosa, ma pura in profondità nei pori. È molto divertente sperimentare come Sgura dà al suo personaggio, che è concepito come un cattivo unidimensionale, sfumature e profondità con variabilità vocale-musicale e notevole gioia nel suonare. Anche i lunghi recitativi diventano un piacere. Complimenti!

Leon Battran – Klassik-begeistert.de

TEATRO REGIO DI TORINO 2016SAMSON ET DALILA

Il baritono Claudio Sgura, nei panni del sommo sacerdote di Dagon, appare in una forma vocale smagliante: la voce è come sempre robusta e l’emissione sicura. Per di più la lingua francese aiuta il cantante a “raccogliere” i suoni e a porgere le frasi con un’eleganza maggiore di quanto non sia solito mostrare in altro repertorio.

Connessi all’Opera

TEATRO ALLA SCALA DI MILANO 2016LA FANCIULLA DEL WEST

Davvero notevolissimo il Jack Rance di Claudio Sgura, baritono dalla voce imponente e perfettamente utilizzata tanto nel canto spianato quanto in quello definibile come “declamato”.
È un artista totalmente immedesimato nel suo ruolo e si inserisce perfettamente nella visione registica di un certo “style” da osteria “mafiosa” tipica di inizio secolo scorso in alcune zone degli Stati Uniti.

Simone De Angeli – MTGLirica

TEATRO REGIO DI TORINO 2016TOSCA

Claudio Sgura è ormai uno Scarpia perfetto in grado di mutare il portamento nobile con cui tratteggia il personaggio nel primo atto, nell’essere mostruosamente cinico, subdolo e viscido del secondo atto. La voce scura, timbrata e potente, ma soprattutto l’ottima tecnica gli consentono di superare sia le insidie di una parte che insiste spesso sul registro grave, sia i passaggi più scopertamente drammatici. Va anche detto che nei pochi momenti lirici presenti nel ruolo, in particolar modo durante “Tosca è un buon falco!… Ha più forte sapore…”, Sgura ha cesellato alcune frasi da autentico belcantista.

Danilo Boaretto – Operaclick

ROYAL STOCKHOLM OPERA 2015OTELLO

Claudio Sgura as Jago, who jumped in at short notice was a small sensation. With a Mephisto-like appearance, a dramatic, thundering baritone, and confidence in every syllable he sang, he made the character even more intelligent than he is on paper.

Claes Wahlin – Aftonbladet

ROYAL STOCKHOLM OPERA 2015OTELLO

And we were treated to some sharply etched portraits: Jago possibly more demonic and evil than ever before… […] Claudio Sgura impressed greatly with a diabolic ‘Credo’ and a manipulative ‘Era la notte’.

Göran Forsling – Seen and Heard International

TEATRO DELL’OPERA DI ROMA 2015TOSCA

Claudio Sgura’s Scarpia was excellent. His voice, which combines a burnished tinge with a brass instrument’s ring, lends itself well to the character’s vindictive and hypocritical ferocity. The libidinously black phrasing with which he sculpted the words preceding the ‘Te Deum’ was unforgettable. He owned the second act. His acting captured all the bald-faced impertinence of a tyrant and the sinister violence of an extortionist, and he sang his creed brilliantly (‘Stronger is the relish of violent conquest’).

Stefano Ceccarelli – L’ape musicale

SYDNEY OPERA 2015TOSCA

The role of Scarpia was occupied with chilling menace and immense presence by the hugely talented Italian baritone Claudio Sgura.
Tall and slim in fascist uniform (the production is set in 1940s Rome), he appeared to revel in his power, often displayed with a disturbing nonchalance, driven by a dark sexuality.
In one scene, he molests his helpless secretary, watched by his minions, enjoying her disgust and helplessness.

Tom Pillans – Daily Telegraph

SYDNEY OPERA 2015TOSCA

As for Claudio Sgura’s Scarpia, the combination of his tall imperious hauteur, the unyielding hard edge of his voice and his forceful power gave the character an aura of implacable malevolence.

Peter McCallum – The Sydney Morning Herald

TEATRO LIRICO DI CAGLIARI 2014TOSCA

Un cast di primo livello, dominato dalla vocalità torrenziale e dalla figura imponente del baritono Claudio Sgura, artista nel pieno della maturità, legittimamente accreditabile come il degno prosecutore della grande tradizione dei baritoni drammatici italiani. Dotato di un timbro scuro e potente, Sgura sceglie di obliterare la dimensione di Scarpia “sbirro buono” per esaltare i caratteri spietati del satiro impunito e senza scrupoli: il “Te Deum” si traduce così in un’autentica esplosione di ipocrita perfidia e di desideri inconfessabili, la scena della tortura in una terribile ordalia di note, sangue e passioni senza freno.

Carlo Dore jr. – Operaclick News

TEATRO LIRICO DI CAGLIARI 2014TOSCA

Il protagonista della serata è stato però lui, Scarpia, interpretato dal baritono Claudio Sgura, assolutamente calato nel personaggio: ottima presenza scenica e ottimo timbro scuro e brunito, perfettamente modulato in base alle esigenze espressive e di volume.

Francesca Mulas – Cagliari Globalist

TEATRO MARIO DEL MONACO TREVISO 2014LUCIA DI LAMMERMOOR

Sul palcoscenico ha conquistato la scena con piglio sicuro ed impassibile il Lord Ashton di Claudio Sgura, personalità prorompente che si estrinseca anche tramite un timbro vocale importante e brunito dall’ottimo volume.

Maria Teresa Giovagnoli – MTG Lirica

SYDNEY OPERA 2014OTELLO

But perhaps it is Italian baritone Claudio Sgura as Iago who is the most enigmatic of the three. From his early interactions with lovesick Roderigo (David Corcoran) and newly appointed captain Cassio (James Egglestone), it’s easy to see why, besides wanting to distinguish it from Gioachino Rossini’s Otello, Verdi initially wanted to name the opera after the scheming adversary. In Act 2 where Sgura – long-haired, long-limbed and lean – sings the famous “Cassio’s dream” arietta, his baritone is so light and benignly tempered that the audience too is almost persuaded of Desdemona’s infidelity.

Nicole Lee – The Guardian

SYDNEY OPERA 2014OTELLO

My favourite singer on the night was Claudio Sgura’s Iago, who was outstanding throughout. His Brindisi demonstrated not only strong vocal projection but also very convincing characterisation, something that was furthered in his Credo. In Act II he demonstrated the range of his dynamic palette, dropping his voice to a whisper when he told his master the (false) story of Cassio’s erotic dreams.

David Larkin – Bachtrack

SYDNEY OPERA 2014OTELLO

Claudio Sgura gave an impressive performance as Iago. His elegant, tall, trim figure moved with ease, and self-assurance. Every gesture was both contemplated and natural, his interpretation was lucid and determined and he was vocally secure and expressive. This protean monster’s Credo was both an articulate and malevolent rant. A rivetting performance.

Jill Comerford – GBOpera

MELBOURNE OPERA 2014TOSCA

Claudio Sgura’s Scarpia was pure psychopathic monster. He had immense presence and not a hint of charm or shame to complicate him. Sgura’s voice is […] expressive and formidable.

Anna McAlister – Herald Sun

MELBOURNE OPERA 2014TOSCA

Claudio Sgura was a menacing Scarpia. His big voice was beautifully produced and his height allowed him to command the stage.

Graham Ford – Stage Whispers

MELBOURNE OPERA 2014TOSCA

As Scarpia, Italian Baritone Claudio Sgura plumbs the depths of Bell’s depiction of absolute evil. Driven by sexual desire from which no woman is safe, he gropes and fondles his hapless secretary in view of his colleagues, revelling in her disgust and helplessness. Mr Sgura has a massively powerful and rich voice. He soars above the Te Deum and whispers his threats to Tosca in Act 2 as gently as a lover. This character is magnificently realised.

Gregory Pritchard – Concertonet